Propaganda Live è il miglior talk show che sia mai stato concepito in Italia

Serietà e professionalità, ironia e satira, musica e intrattenimento: gli ingredienti per il talk show che non si limita a far divertire, ma anche a riflettere e informarsi

Ogni venerdì, l’appuntamento è fisso, più o meno intorno alle 21.20, su La7. Non manco quasi mai e se sono assente, la recupero in differita. Nonostante mi tenga informato dai canali tradizionali quali TG o giornali on-line, Propaganda Live per me rappresenta l’appuntamento ideale per capire l’umore del Paese e fare un punto sulla situazione: politica e sociale in primis, senza però dimenticare la satira, l’intrattenimento, la musica e le tendenze social del momento.

Diciamolo: per molti ha una durata spropositata, di solito finisce intorno all’una di notte, ma il tempo non si percepisce, passa velocemente.

Propaganda Live non si limita mai alle notizie che passano da altre fonti o dai social, ma controlla i fatti sempre di persona, anche seguendo, magari tre ore di sedute alla Camera per avere una propria percezione di quello che accade. Lo sforzo è riportare le cose sempre il più fedelmente possibile, con un proprio punto di vista.

C’è l’elemento importante della Propaganda Orchestra composta da Roberto Angelini, Giovanni Di Cosimo, Gabriele Lazzarotti, Fabio Rondanini (Calibro 35, Afterhours), Daniele Rossi, Daniele Tittarelli e altri musicisti molto in gamba, spesso alle prese con cover riarrangiate, improvvisazioni e un caloroso background musicale che accompagna tutto lo show.

Sono frequenti ospiti italiani e internazionali, di rilievo o indipendenti.  Non mancano reportage in prima persona, spesso di accadimenti dimenticati dai media e dalla politica, approfondimenti estremamente importanti e fondamentali per poter capire “come gira il mondo” in tutti i sensi. Non sempre sono piacevoli, a volte sono crudi e angoscianti.

Se siete dei fan della musica o della satira, non rimarrete a bocca asciutta. Il valore aggiunto è che vi state anche informando e creando una visione del mondo.

«Gentile Diego Bianchi,
[…] Colgo questa occasione per esprimerle il mio apprezzamento per la trasmissione, anche per come ha seguito, con sguardo scanzonato ma mai banale, la complicata fase delle consultazioni per la formazione del governo. Quando mi è stato possibile vederla, purtroppo non di frequente, mi sono davvero divertito. Invio a lei e a tutti i suoi collaboratori gli auguri di buon lavoro.»

(Presidente Sergio Mattarella)

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!